Progetto Habitat

Energie Rinnovabili

Progetto Habitat opera nel settore delle Energie: Impianti Fotovoltaici e Smaltimento di Amianto, Solare Termico e Termodinamico, Eolico, Idroelettrico, Geotermico.

Efficienza Energetica

Progetto Habitat propone Soluzioni di Efficientamento Energetico a Costo Zero per Condomini, Aziende e Pubblica Amministrazione

Edilizia

Progetto Habitat rappresenta importanti aziende produttrici nel settore delle coperture e dei magazzini edili, delle linee vita e nel settore dell'antinfortunistica.

Impianti fotovoltaici
Scritto da Administrator
Sabato 02 Gennaio 2010 13:43
PDF Stampa E-mail

E' possibile trasformare la propria abitazione in una piccola centrale elettrica grazie ad una fonte inesauribile e non inquinante: il sole.

Progetto Habitat è in grado di fornire tutto il supporto necessario per:

  • la fase di valutazione di fattibilità;
  • la presentazione della domanda al GSE Spa
  • la realizzazione dell'impianto.

Il prodotto

Un impianto fotovoltaico è costituito da un insieme di apparecchiature che consentono di trasformare direttamente l'energia solare in energia elettrica.

Gli impianti per la produzione di energia elettrica mediante tecnologia fotovoltaica presentano diversi vantaggi, tra i quali i più significativi sono:

  • assenza di qualsiasi tipo di emissioni inquinanti;

  • risparmio dei combustibili fossili;

  • estrema affidabilità poiché non esistono parti in movimento (vita utile superiore a 25 anni);

  • costi di manutenzione ridotti al minimo;

  • modularità del sistema (per aumentare la taglia basta aumentare il numero dei moduli).

Una prima classificazione delle tipologie di impianti fotovoltaici può essere la seguente:

  • impianti autonomi funzionanti in isola (stand-alone);

  • impianti collegati in parallelo alla rete elettrica pubblica (grid connected);

Questi ultimi generalmente non dispongono di dispositivi di accumulo di energia (batterie) e in caso di black-out non possono garantire l'elettricità all'utente proprietario dell'impianto.

E' importante sapere che l'incentivo statale in conto energia può essere richiesto solamente per impianti connessi alla rete.

I componenti e l'installazione


Un impianto fotovoltaico standard connesso alla rete è costituito dai componenti evidenziati nello schema qui sopra.

Le funzioni dei dispositivi mostrati sono le seguenti:

  • i moduli fotovoltaici, elemento essenziale dell'impianto, captano la radiazione solare durante il giorno e la trasformano in energia elettrica in corrente continua;

  • l' inverter, trasforma l'energia elettrica da corrente continua a corrente alternata rendendola idonea alle esigenze delle comuni apparecchiature elettriche (lampade, elettrodomestici, alimentatori, computer...);

  • misuratori di energia, sono dispositivi che servono a controllare e contabilizzare la quantità di energia elettrica prodotta e scambiata con la rete.

Un impianto fotovoltaico deve essere installato con le superfici dei pannelli esposte a sud. Installazioni con esposizione verso sud-est o sud-ovest sono ammesse, prevedendo che, una volta in esercizio, l'impianto abbia una leggera perdita di produttività rispetto alla soluzione con esposizione ottimale.

Per quanto riguarda l'inclinazione dei pannelli, l'inclinazione di 30 gradi rispetto al piano è quella che in Italia permette di avere la massima produzione annua di energia. In questo caso l'incidenza di una differente inclinazione sulla potenzialità produttiva dell'impianto è minore, ad esempio se contenuta tra +/- 10 gradi può essere trascurata.

Tra le varie soluzioni che il Cliente può scegliere per installare un impianto fotovoltaico, la scelta dell'integrazione architettonica nell'edificio deputato ad accogliere l'impianto permette di ottenere un aumento dell'incentivo statale in conto energia, oltre ad un gradevole effetto estetico.


Vantaggi economici

Il proprietario di un impianto fotovoltaico al quale sia stato concesso l' incentivo in conto energia ha la possibilità di recuperare il capitale speso per la realizzazione dell' impianto durante gli anni di funzionamento dello stesso.

In particolare il beneficio economico per un impianto con potenza inferiore ai 200 kWp connesso alla rete con il servizio di "Scambio sul posto" è costituito da due componenti:

  • l'imposta sul reddito, per privati e società di persone, ridotta per un valore pari al 50% dell'investimento (con distribuzione temporale nell'arco di 10 anni);

  • il risparmio sulla bolletta elettrica, in base alla quota di energia prodotta dall' impianto che riesca a coprire l' energia consumata dalle proprie utenze.

Queste caratteristiche rendono particolarmente interessante la scelta di coprire il capitale necessario alla realizzazione di un impianto fotovoltaico con un finanziamento bancario. In questo caso gli esborsi relativi le rate di restituzione del finanziamento possono essere coperti dai ricavi percepiti mediante l' incentivo in conto energia e i risparmi sui consumi di energia elettrica.


Finanziamenti per la realizzazione di impianti fotovoltaici

Grazie a degli accordi con alcune banche e società di intermediazione finanziaria, mettiamo a disposizione dei propri Clienti una serie di prodotti finanziari esclusivi. Di seguito sono elencati gli istituti con cui i nostri partners hanno convenzioni ad hoc per il finanziamento di impianti fotovoltaici:

  • Banca Popolare di Milano
  • Banca Popolare di Sondrio
  • Gruppo INTESA-SAN PAOLO
  • Gruppo Monte Dei Paschi di Siena
  • Prestitempo - Deutsche Bank
  • Findomestic - BNL PB

A questo si aggiungono le particolari convenzioni attivate da Progetto Habitat con la Finanza Etica:

  • MAG2 Finance
  • Banca Etica

Ultimo aggiornamento Lunedì 30 Dicembre 2013 13:47
 
TOP100-SOLAR